Sindacato polizia: improbabile lancio lacrimogeni da Ministero
Ma non voglio dire o negare che qualche poliziotto possa essere andato oltre

Roma – “Mi sembra improbabile o impossibile che i lacrimogeni siano stati lanciati dal Ministero. I lacrimogeni sono lanciati a parabola; nella discesa, chi ha inquadrato può pensare che siano venuti dalla finestra del Ministero. Se fosse così, ci sarebbe stato fumo anche dentro”. Lo afferma a Radio 24 in Italia in Controluce il segretario nazionale del sindacato di Polizia, Siulp, Felice Romano, spiegando di aver “sollecitato in Questura una verifica”.

“I manifestanti si sono presentati in formazione a testuggine. La stessa formazione presente a Roma, Milano, Torino, Padova e Brescia. Il che significa che c’è stata una regia a monte e che in modo premeditato e in modo militare ha preparato quel tipo di azione all’interno delle manifestazioni”.

“L’effetto dei tagli e del blocco del turn over a Roma a fronte dei 2000 poliziotti richiesti, hanno lavorato in 850, 900 persone per oltre 15 ore e abbiamo avuto 16 feriti, tutti con le bombe di carta. Abbiamo rinvenuto picconi e catene. Se andassimo a dragare il fiume Tevere troveremmo una vera e propria Santa Barbara. C’era attacco militare e preorganizzato contro di noi” – continua il sindacalista Romano a Radio 24 – “Con questo non voglio dire o negare che ci possa essere stato qualche poliziotto che sia andato oltre”.
Fonte voceditalia.it