Esprimiamo vicinanza, solidarietà e profondo cordoglio ai familiari dei Colleghi francesi caduti sotto il vile e assurdo attacco terroristico avvenuto a Parigi ad opera di tre francesi che, per modalità e mentalità con cui hanno operato rientrano sicuramente nelle c.d. “cellule dormienti” del terrorismo islamico.

Ma le cellule dormienti sono un concreto e attuale rischio anche per l’Italia. Non solo per il ruolo che il nostro Paese ha nella lotta al terrorismo, ma anche perche’ a Roma risiede il Santo Padre; ecco perché è necessario un intervento urgente e uno sforzo straordinario per garantire le risorse necessarie per fronteggiare questo particolare momento.

E’ quanto afferma in nota Felice ROMANO, Segretario Generale del SIULP nella quale, nell’esprimere solidarietà, vicinanza e cordoglio ai colleghi francesi e ai familiari dei caduti, sottolinea come in Italia esiste un apparato antiterrorismo che e’ veramente una delle eccellenze al mondo nella prevenzione e nel contrasto al terrorismo e all’eversione.

Il nostro antiterrorismo, sottolinea il leader del SIULP, è un’eccellenza consolidata da anni, oggi ancora più incisiva anche grazie alla straordinaria esperienza e alla grandissima capacità del suo vertice e dello staff che lo collabora, per cui siamo preparati a livello professionale ad affrontare qualsiasi emergenza.

Quello di cui abbiamo bisogno, conclude Romano – e per questo faccio appello al Presidente Renzi -, sono le risorse per strutturare e conservare la grande professionalità e l’elevata eccellenza che abbiamo raggiunto nel tempo con grandi sacrifici. Giacche’ solo la mancanza dei necessari mezzi potrebbe far breccia nell’efficacia e nell’efficienza del nostro sistema preventivo e repressivo contro i gruppi terroristici che stanno minacciando e attaccando l’Europa.

Roma 8 gennaio 2015

Lani di agenzia

FRANCIA: SIULP, GOVERNO GARANTISCA RISORSE PER ANTITERRORISMO =
solo mancanza mezzi potrebbe far breccia nell’efficienza del nostro sistema preventivo

Roma, 8 gen. (AdnKronos) – Il governo garantisca risorse per i servizi e le strutture antiterrorismo. L’appello è di Felice Romano, segretario generale del Siulp, che in una nota spiega: ”In Italia esiste un apparato antiterrorismo che è davvero una delle eccellenze al mondo nella prevenzione e nel contrasto al terrorismo e all’eversione. Un’eccellenza consolidata da anni, oggi ancora più incisiva anche grazie all’esperienza e capacità del suo vertice, per cui siamo preparati a livello professionale ad affrontare qualsiasi emergenza”.

”Quello di cui abbiamo bisogno -rimarca il leader del Siulp- e per questo faccio appello al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sono le risorse per strutturare e conservare la grande professionalità e l’elevata eccellenza che abbiamo raggiunto nel tempo, con grandi sacrifici”.

Per Romano, ”solo la mancanza dei necessari mezzi potrebbe far breccia nell’efficienza del nostro sistema preventivo e repressivo contro i gruppi terroristici che stanno minacciando e attaccando l’Europa”.

Il sindacato di Polizia esprime ”vicinanza, solidarietà e profondo cordoglio ai familiari dei colleghi francesi caduti sotto
il vile e assurdo attacco terroristico avvenuto a Parigi ad opera di cittadini francesi che, per modalità e mentalità con cui hanno operato rientrano sicuramente nelle cosiddette ‘cellule dormienti’ del terrorismo islamico”.

”Ma le cellule dormienti -avverte Romano- sono un concreto e attuale rischio anche per l’Italia. Non solo per il ruolo che il nostro Paese ha nella lotta al terrorismo, ma anche perché a Roma risiede il Papa: ecco perché -conclude il Siulp- é necessario un intervento urgente e uno sforzo straordinario per garantire le risorse necessarie per fronteggiare questo particolare momento”.